Concorso agenti sorveglianza e sicurezza presso la comunità europea (AST 3) 54 posti a concorso ecco come partecipare

Concorso pubblico per assunzione a tempo indeterminato di 54 agenti presso la comunità europea con incarico di far rispettare rigorosamente le disposizioni in materia di sicurezza, proteggere persone e beni e controllare le prestazioni delle società di vigilanza.

Natura delle funzioni Il coordinatore sarà incaricato di assistere un amministratore nell’ambito di un’ équipe composta da agenti di prevenzione e di sorveglianza il cui compito è accogliere e informare i deputati, il personale statutario e i loro visitatori nonché far rispettare rigorosamente le disposizioni in materia di sicurezza, proteggere persone e beni e controllare le prestazioni delle società di vigilanza. Dette mansioni sono svolte nei punti di accesso degli immobili e dei siti occupati dall’istituzione.

 

Sotto l’autorità del funzionario responsabile e sulla base delle direttive generali e delle decisioni dell’istituzione, il

coordinatore parteciperà all’organizzazione, animazione e controllo delle équipe di personale incaricate delle mansioni di

sicurezza (prevenzione, sorveglianza, vigilanza, ecc.) e alla gestione di attività complesse di accoglienza, gestione e

applicazione delle istruzioni in materia.

Il coordinatore è incaricato di svolgere le mansioni seguenti:

— prendere tutte le iniziative necessarie per garantire un servizio continuato, professionale, cortese, all’altezza delle

aspettative dell’istituzione;

— partecipare alla gestione, alla motivazione e allo sviluppo delle competenze delle équipe di agenti di prevenzione e di

sorveglianza sotto la responsabilità di un amministratore e in collaborazione con gli specialisti delle risorse umane. Si

tratterà in particolare di sviluppare il senso di responsabilità e la motivazione facendo ricorso alle migliori tecniche di

gestione di équipe in un ambiente multiculturale complesso;

— garantire una buona comunicazione e il coordinamento delle prestazioni con le altre componenti della sicurezza

(sicurezza interna, sicurezza tecnica, accreditamento e gestione dei rischi) nonché con i servizi esterni (protocollo,

visitatori, ecc.);

— assicurarsi che le istruzioni siano comprese bene e assimilate da tutto il personale assegnato alle mansioni di

prevenzione e sorveglianza, gestire eventuali incidenti seguendo tutte le istruzioni ricevute con discernimento e

intelligenza e adottare tutte le misure del caso per garantire la sicurezza e la continuità delle attività dell’istituzione,

partecipare all’elaborazione, alla comunicazione e al follow-up di istruzioni chiare e pertinenti;

— garantire a turno all’interno di un équipe la gestione del dispatching unico di sicurezza 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 o il

coordinamento generale dei dispositivi di sorveglianza, prevenzione e sicurezza di uno o più edifici o verificare il buon

funzionamento degli impianti tecnici di sicurezza, in particolare la gestione a distanza, e la compilazione delle schede

tecniche degli edifici;

— prevedere e adeguare il livello delle prestazioni e le istruzioni in funzione delle attività dell’istituzione e sulla base delle

analisi dei rischi effettuate dai servizi competenti, proporre soluzioni adeguate al livello di rischio individuato e attivare

efficaci risorse tecniche e umane;

— dare il proprio contributo alle indagini avviate a seguito di incidenti quali furti, smarrimenti, aggressioni, danni o

pregiudizi di qualsiasi tipo

redigere relazioni quotidiane di follow-up degli eventi, delle anomalie e dei controlli effettuati nel corso delle prestazioni;

— assicurare il controllo della buona esecuzione dei contratti, in particolare verificando la qualità e la conformità dei

servizi, anche per quanto riguarda l’entità dell’organico, per l’insieme delle prestazioni definite nel capitolato d’oneri.

Al personale assegnato a questo servizio può essere richiesto di lavorare nelle ore diurne e notturne, nei fine settimana e nei

giorni festivi, e ciò nei diversi siti in cui è ubicata l’istituzione (Bruxelles, Lussemburgo, Strasburgo).

Si terrà particolarmente conto della capacità dei candidati di affrontare problemi di diversa natura, spesso complessi, di

reagire rapidamente, efficacemente e in modo equilibrato a seconda delle circostanze e di dimostrare buone capacità di

comunicazione. Essi devono essere capaci di lavorare regolarmente a un ritmo serrato, individualmente o in gruppo.

2. Titoli di studio o diplomi ed esperienza professionale

Un livello di studi superiori attestato da un diploma attinente alla natura delle funzioni da svolgere oppure una formazione

professionale di livello equivalente, seguito da un’esperienza professionale della durata di almeno tre anni in rapporto con

tali funzioni.

OPPURE

Un livello di studi secondari attestato da un diploma che dia accesso all’istruzione superiore oppure una formazione

professionale di livello equivalente, seguito da un’esperienza professionale di almeno sei anni in rapporto con le funzioni da

svolgere.

OPPURE

Un’esperienza professionale di almeno dieci anni in rapporto con le funzioni da svolgere.

3. Criteri di selezione

Nella selezione per titoli la commissione giudicatrice terrà conto dei seguenti criteri:

1. Esperienza professionale nella gestione di un dispatching, di una centrale di comando o di un contratto nei settori della

prevenzione, della sicurezza, della vigilanza, compreso il controllo delle installazioni tecniche.

2. Esperienza professionale nella gestione di équipe nel settore della prevenzione e della sorveglianza, compresa la

ripartizione e il coordinamento delle mansioni, il controllo dell’esecuzione, la motivazione del personale, la formazione

continua.

3. Esperienza professionale nell’elaborazione, diffusione, follow-up e attuazione di norme di sicurezza, prevenzione e

sorveglianza.

4. Esperienza professionale nel coordinamento di servizi esterni (protocollo, visitatori, ecc.) e interni in settori relativi alla

prevenzione, alla sorveglianza e alla sicurezza.

5. Esperienza professionale nella gestione e risoluzione di incidenti di sicurezza, compresa la gestione di conflitti, la

conoscenza dei comportamenti standard da adottare in situazioni di pericolo potenziale o reale (minacce, persone

aggressive, pacchi sospetti, allarme incendio, ecc.).

6. Esperienza professionale in un quadro orario flessibile (servizio continuo 24 ore su 24, 7 giorni su 7).

7. Esperienza professionale nella gestione operativa e nel follow-up amministrativo delle prestazioni effettuate nell’ambito

di un contratto di vigilanza (controlli, rapporti, ecc.).

8. Esperienza professionale nell’ambito di un’equipe multiculturale e multilingue di un organismo europeo o

internazionale, compresa la gestione di tale equipe.

9. Esperienza professionale nei contatti col pubblico.

 

III. CONDIZIONI DI AMMISSIONE

Entro il termine ultimo per l’iscrizione elettronica i candidati devono soddisfare tutte le condizioni generali e specifiche

enunciate qui di seguito.

1. Condizioni generali

a) Essere cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea.

b) Godere dei diritti civili.

c) Essere in regola con le norme vigenti in materia di servizio militare.

d) Offrire le garanzie di moralità richieste per le funzioni da svolgere.

2. Condizioni specifiche

2.1 Titoli di studio o diplomi ed esperienza professionale

Vedere l’allegato

2.2 Conoscenze linguistiche (

1

)

Lingua 1 Lingua principale

conoscenza approfondita di una lingua ufficiale dell’Unione europea

Lingua 2 Seconda lingua (obbligatoriamente diversa dalla lingua 1)

conoscenza soddisfacente del francese, dell’inglese o del tedesco

Per essere assunti presso i servizi di sicurezza del Parlamento europeo a Lussemburgo è indispensabile una buona

conoscenza del francese orale e scritto onde poter svolgere il lavoro e curare i contatti con le parti interessate esterne. I

candidati idonei per il profilo 2 saranno assunti principalmente al Parlamento europeo.

I candidati risultanti per il profilo 1 saranno assunti unicamente al Servizio europeo per l’azione esterna.

Conformemente alla sentenza pronunciata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea (Grande Sezione) nella causa C-566/

10 P, Repubblica italiana/Commissione, le istituzioni dell’Unione motivano nell’ambito del presente concorso la limitazione

della scelta della seconda lingua a un numero ristretto di lingue ufficiali dell’Unione.

Si informano i candidati che l’opzione relativa alla seconda lingua del presente concorso è stata definita in base all’interesse

del servizio, che richiede neoassunti immediatamente operativi e capaci di comunicare in modo efficace nel lavoro

quotidiano. In caso contrario, il funzionamento effettivo delle istituzioni potrebbe essere seriamente compromesso.

 

Fonte :  Gazzetta ufficiale comunità europea

  • Luigi Salemi

    Salve, sono Luigi Salemi ex guardia particolare giurata della Securpol Group s.r.l., purtroppo non ho più lavorato nell’azienda indicata per scadenza di contratto, chiedo se sia possibile avere la possibilità di un inserimento nel vostro organico. Colgo l’occasione nel porgere i miei più cordiali saluti.

    G.P.G. (Guardia Particolare Giurata), Centrale operativa, Trasporto valori, Amministrazione: contabilità, monitoraggio scadenze porto d’armi, esercitazioni poligono, scadenziario visite mediche, l’archiviazione cartacea e informatica della documentazione in entrata ed in uscita dalla Filiale. Ottima conoscenza del programma AS400 maturato all’interno dell’azienda.
    Luigi Salemi.

  • Gianluca

    Come bisogna fare per sapere notizie sul concorso scaduto il 28/10/2014

    • Luigi Salemi

      Non lo so!

Vai alla barra degli strumenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi