Concorso, per esami e titoli, per il reclutamento di 1.096 allievi carabinieri

1. Sono indetti i seguenti concorsi pubblici, per esami e titoli, per il reclutamento di: a) 521 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato, ai sensi dell’art. 2199, comma 7-bis, del decreto legislativo 15 marzo 2010,

n. 66, ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) ovvero in rafferma annuale, in servizio;
b) 221 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato, ai sensi dell’art. 2199, comma 7-bis, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) in congedo ed ai volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP4) in servizio o collocati in congedo a conclusione della prescritta ferma;
c) 322 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato, ai sensi degli articoli 706 e 707, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, ai giovani che non abbiano superato il ventiseiesimo anno di eta’, per il successivo impiego secondo i criteri di cui all’art. 17: d) 32 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato ai sensi del decreto legislativo 21 gennaio 2011, n. 11, ai concorrenti in possesso dell’attestato di bilinguismo di cui all’art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 e successive modificazioni, 2.

 

I volontari in ferma prefissata in servizio e in congedo ed i candidati in possesso dell’attestato di bilinguismo di cui all’art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, all’atto della presentazione della domanda con le modalita’ di cui all’art. 3, dovranno optare per la partecipazione al concorso loro riservato ovvero a quello di cui al comma 1, lettera c), essendo consentita la presentazione di domanda di partecipazione per uno solo dei concorsi di cui al comma 1. 3. Il numero dei posti di cui al comma 1 potra’ essere incrementato qualora dovessero essere rese disponibili, anche con diversi provvedimenti normativi, ulteriori risorse finanziarie. 4. Ai sensi dell’art. 642 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, resta impregiudicata per il Comando generale dell’Arma dei carabinieri la facolta’ di revocare o annullare il bando di concorso, di sospendere o rinviare le prove concorsuali, di modificare il numero dei posti, di sospendere l’ammissione dei vincitori alla frequenza del corso, in ragione di esigenze attualmente non valutabili ne’ prevedibili, nonche’ in applicazione di disposizioni di contenimento della spesa pubblica che impedissero o limitassero le assunzioni di personale per l’anno 2016. 5.

In entrambi i casi di cui ai commi 3 e 4 il Comando generale dell’Arma dei carabinieri provvedera’ a darne formale comunicazione mediante avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4ª serie speciale.

 

 

 

Vai alla barra degli strumenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi