Concorso per esame a 500 posti di notaio indetto con D.D. 21 aprile 2016

E’ indetto un concorso, per esame, a 500 posti di notaio. 1. Per essere ammessi al concorso, gli aspiranti devono essere in
possesso, alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda, dei requisiti stabiliti

dall’art. 5 numeri 1), 2), 3), 4),5) della legge 16 febbraio 1913, n. 89 e successive modificazioni, e non aver compiuto gli anni cinquanta alla data del presente decreto.
2. E’ altresi’ necessario che, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, gli aspiranti non siano stati
dichiarati non idonei in tre precedenti concorsi per esami a posti di notaio, banditi successivamente all’entrata in vigore della legge 18 giugno 2009, n. 69. Equivalgono a dichiarazione di inidoneita’ l’espulsione del candidato dopo la dettatura del tema e
l’annullamento di una prova da parte della commissione.

Presentazione della domanda – Termini e modalita’

1. La domanda di ammissione al concorso – corredata di marca da bollo del valore di euro 16,00 ai sensi dell’art. 1 della legge 25
maggio 1970, n. 358 – deve essere presentata o spedita al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente in relazione al luogo di residenza dell’aspirante, previa compilazione della domanda telematica di cui al successivo comma 4, entro il termine perentorio di giorni trenta decorrenti dalla pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – 4ª serie speciale – «Concorsi ed Esami».

2. La domanda si considera formulata in tempo utile anche se spedita al suddetto Procuratore della Repubblica, a mezzo di
raccomandata con avviso di ricevimento, entro il termine sopra stabilito. A tal fine fa fede il timbro a data dell’ufficio postale
accettante.

3. Non sono ammessi a partecipare al concorso gli aspiranti le cui domande sono state presentate o spedite oltre il termine sopra
indicato o con modalita’ diverse.
4. La domanda telematica di partecipazione al concorso deve essere redatta compilando l’apposito modulo, disponibile sul sito
internet del Ministero della giustizia, «www.giustizia.it», alla voce «Strumenti/Concorsi, esami assunzioni».
5. La procedura di compilazione ed invio telematico deve essere completata entro il termine di scadenza del bando.
6. Il modulo e’ disponibile dal giorno di pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale e fino alla scadenza del
termine per la presentazione della domanda.
7. Allo scadere del termine suddetto, il sistema informatico non permettera’ piu’ l’accesso ne’ l’invio del modulo.
8. Dopo il completamento della procedura di inserimento dei dati e l’invio del modulo, il sistema informatico notifica l’avvenuta
ricezione della domanda di partecipazione, fornendo un file (ricevuta in formato pdf), che contiene il codice identificativo – comprensivo del codice a barre – attribuito dal sistema; tale codice deve essere stampato e conservato a cura del candidato, nonche’ esibito per facilitare le procedure di identificazione per la partecipazione alle
prove scritte.
9. L’aspirante deve stampare la domanda (contenuta nel file «domanda in formato pdf»), apporvi in calce una marca da euro 16,00, allegarvi le quietanze di cui al successivo comma 14 e consegnarla, entro il termine di scadenza del bando, alla Procura della Repubblica competente in relazione al luogo di residenza; deve infine firmarla, con sottoscrizione autenticata. Il funzionario della Procura che provvede alla ricezione, verificata la regolarita’ formale della
domanda, procedera’ alla validazione e alla trasmissione della domanda cartacea al Ministero della giustizia, Dipartimento per gli
affari di giustizia – Direzione generale della giustizia civile – Reparto Notariato, Via Arenula, 70 – cap. 00186 Roma.
10. In alternativa, l’aspirante dovra’ stampare la domanda, apporre la marca da euro 16,00 in calce alla domanda stampata,
firmarla con sottoscrizione autenticata e spedirla a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, con allegate le quietanze di
cui al successivo comma 14, alla Procura della Repubblica suddetta.
11. Per le domande spedite a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento fa fede la data risultante dal timbro apposto
dall’Ufficio postale accettante.

Per ulteriori informazioni vai al bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Vai alla barra degli strumenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi