Concorso per Istruttori Educativi per asili nido assunzione a tempo pieno e indeterminato

Si assumono 6 istruttori educativi per lavorare negli asili nido e le Scuole d’infanzia assunzione a tempo pieno e indeterminato Per l’ammissione al concorso è richiesto il possesso dei seguenti requisiti :

a) cittadinanza italiana (sono equiparati a costoro gli italiani non appartenenti alla Repubblica) o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea oppure cittadinanza di paesi terzi e trovarsi in una delle condizioni di cui all’art. 38 del D.lgs. 165/2001 ( es. permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, status di rifugiato o essere familiare con diritto di soggiorno, di cittadino UE) .

 

SERVIZIO RISORSE UMANE

Per i cittadini degli stati membri U.E. e per i cittadini dei paesi terzi, occorre il possesso dei seguenti ulteriori requisiti:
a1. godimento dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o di provenienza;
a2. possesso, fatta eccezione per la titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica Italiana;

a3. avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
b) 18 anni compiuti alla data di scadenza del presente bando;
c) idoneità fisica all’impiego e quindi alle mansioni proprie del profilo professionale da rivestire;
d) titolo di studio: uno dei titoli di cui all’art.13 del Decreto del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 41/R del 30.7.2013 e smi. Si precisa che, nell’ambito dei titoli previsti dal sopra citato art. 13 del D.P.G.R.T. n. 41/R del 30.7.2013, i titoli di studio necessari per l’insegnamento nella scuola materna, in base alla normativa vigente, risultano essere i seguenti:
– diploma di laurea in scienze della formazione primaria – indirizzo scuola dell’infanzia; Oppure
– abilitazione all’insegnamento delle scuole del grado preparatorio, diploma quadriennale di istituto magistrale o diploma quinquennale di liceo socio psicopedagogico conseguiti entro l’a.s. 2001/2002;
Oppure
-diploma di maturità professionale di tecnico dei servizi sociali gia’ diploma di assistente comunità infantile rilasciato da istituti scolastici legalmente riconosciuti o paritari conseguiti entro l’a.s. 2001/2002 a conclusione di corso sperimentale progetto “Egeria”;

Per i candidati che hanno conseguito il titolo in altro paese dell’Unione Europea, la verifica dell’equipollenza del titolo di studio posseduto avrà luogo ai sensi dell’art. 38 c.3 del D.Lgs. 30/3/2001 n. 165. I titoli di studio dovranno essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana effettuata da un traduttore pubblico in possesso del necessario titolo di abilitazione. Per i candidati che hanno conseguito il titolo di studio presso un’ istituzione scolastica estera (diversa dall’ UE), il titolo sara’ considerato valido se risultato dichiarato equipollente da idonea certificazione rilasciata dalle competenti autorità oppure se riconosciuto automaticamente equipollente in base agli accordi internazionali ad uno dei titoli di studio prescritti per l’accesso.

e) godimento dei diritti civili e politici;
f) non aver riportato provvedimenti di destituzione o dispensa dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero siano stati dichiarati decaduti da un impiego statale ai sensi dell’art. 127, 1° comma, lett. d) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato approvato con D.P.R. nr. 3 del 10.1.1957;
g) non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con la Pubblica Amministrazione nonche’ non aver riportato condanna definitiva per uno dei delitti di cui all’art. 16 del Decreto del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 41/R del 30.7.2013 e smi. nonchè non aver riportato condanne per uno dei reati di cui all’art. 25 bis del DPR 313/2002;
h) posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985 ai sensi dell’art. 1 L. 23/8/2004 n. 226.

 

SERVIZIO RISORSE UMANE

2. Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione al concorso e fissato nel presente bando tranne che per i seguenti requisiti:

– i 3 anni di servizio (36 mesi anche non continuativi) necessari per la partecipazione alla riserva dei posti devono – per espressa previsione di legge – essere posseduti alla data di pubblicazione del presente bando; tale requisito verrà accertato d’ufficio e pertanto il candidato non deve dichiarare niente al riguardo.

-l’equipollenza/equivalenza del titolo di studio deve essere posseduto alla data di stipula del contratto individuale di lavoro;

3. Non possono accedere all’impiego presso questa Amministrazione coloro che siano esclusi dall’elettorato politico attivo, coloro che sono stati destituiti o dispensati da altro impiego pubblico, coloro che sono stati dichiarati decaduti da un pubblico impiego per aver conseguito l’impiego con documento falso o nullo e coloro che siano stati dichiarati interdetti o sottoposti a misure tali che escludano dalla nomina agli impieghi presso enti pubblici ovvero coloro che siano stati licenziati ai sensi delle normative vigenti in materia disciplinare .

4. L’Amministrazione Comunale, con provvedimento motivato, non ammette al concorso ovvero non procede all’assunzione dei vincitori, ancorché risultati idonei, che siano stati condannati,con sentenza passata in giudicato, per uno dei reati previsti dall’Art. 85 del DPR 3/57 e successive modifiche ed integrazioni e dall’Art. 15 della L. 55/90, e successive modifiche ed integrazioni.

5. L’Amministrazione Comunale, in caso di condanne penali (anche nel caso di applicazione della pena su richiesta, sospensione condizionale, non menzione,amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale) o di procedimenti penali pendenti, fermi restando i casi stabiliti dalla legge per le tipologie di reato che escludono l’ammissibilità all’impiego, si riserva di valutare la situazione del candidato, sia ai fini dell’ammissione al concorso che ai fini dell’assunzione, tenuto conto del titolo del reato con riferimento al profilo professionale da ricoprire.

Articolo 3
TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

1. La domanda di ammissione al concorso deve pervenire entro le ore 13.00 del giorno 14.12.2015, termine perentorio a pena di non ammissione al concorso, e può essere presentata esclusivamente con la seguente modalità:
via web al sito www.comune.prato.it/lavoro/ seguendo le indicazioni specificate nel sito medesimo;

BANDO

  • tarek

    Ho voglia de lavorare,

Vai alla barra degli strumenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi